Al poligono Air Fire di Ribera, Competizione Nazionale e Provinciale Gennaio 2019 con due gare: CS 10 provinciale e Bench-Rest nazionale

Con molto entusiasmo e sportivamente partecipano a due discipline di tiro al bersaglio, tiratori provenienti da diversi paesi dell’hinterland. Gara provinciale, disciplina springer CS 10 tiro a dieci metri con carabina a molla di libera vendita. Si classifica al primo posto il riberese Lillo Lino con un punteggio di 203 / 240, al secondo posto, con 202/ il riberese Giovanni Corsentino, a pari punti con il terzo, il saccense Domenico Piazza, quarto il riberese Enzo Tramuta 197/240 si aggiudica anche il premio per il miglior cartellino con due 34/40, quinto il palmese Rosario Castronovo 186/240, sesto il saccense Donato Gulino con 173/240, nella categoria juniores primo il riberese Pier Giuseppe Leo con 170.
Nel Bench-Rest i tiratori di tre diverse categorie concentratissimi cercano di mirare proprio al centro dei 25 bersagli, un puntino di due millimetri alla distanza di 25 metri con un pallino di appena 4,5 millimetri. Nella categoria Diopter si classifica al primo posto il Riberese Accursio Vitabile con carabina FWB 800X con 159.2 -160.5. /160. Categoria Unilimited A al primo posto il saccense gulino Donato con carabina LG 400 231.4-229.5 /250. nella categoria springer primo il palmese Rosario Castronovo con HW 977 punti 229.1 –216.2 al secondo posto il saccense Donato Gulino con HW 977 227.3 – 196.1, al terzo il riberese Giovanni Corsentino con HW 977 222.1 – 218.1, al quarto il riberese Giuseppe Leo con carabina HW 977 punti 220.3 – 211.1, al quinto posto altro riberese Lillo Lino con carabina HW 50 punti199.0 – 190.0. Gara molto entusiasmante in particolare per i tiratori che grazie a questi risultati si recheranno a Pontedera alla gara nazionale di Bench Rest orgogliosi di rappresentare il poligono Air-Fire di Ribera.

AVREBBE RAPINATO A MAGGIO UN AGENZIA ASSICURAZIONI: IN MANETTE UN 21enne

È finito in manette Francesco Sabella di 21 anni di Menfi che secondo i carabinieri di Menfi e di Sciacca avrebbe compiuto una rapina ai danni dell’agenzia di assicurazioni Unipol Sai di Menfi nello scorso mese maggio. Un complice 27enne è stato denunciato. Sabella è ritenuto responsabile di rapina aggravata.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Sciacca, sono state condotte dai carabinieri che hanno raccolto le testimonianze dei testimoni oculari e acquisito i filmati di video-sorveglianza delle vie del centro cittadino. Il bottino era stato di quasi 800 euro in contanti, dopo aver minacciato con una pistola il direttore dell’agenzia.

Valentino Sucato iscritto all’Ordine dei giornalisti di Sicilia

https://notiziariosicilia.wordpress.com/2019/01/31/skype-nelle-carceri-italiani-una-rivoluzione-nelle-comunicazioni-detenuto-famiglia/

LANDA NON FA RIMA CON FORTUNA: PRIMA GARA, CLAVICOLA FRATTURATA

Tutte le preoccupazioni seguenti alla caduta di Landa a 15 km dall’arrivo della Ses Salines, prima gara europea dell’anno, hanno trovato purtroppo conferma.

Il duro colpo sulla spalla destra che ha impedito al ciclista spagnolo di continuare era apparso subito grave, preludio di un infortunio che lo terrà fuori dalle gare per qualche mese.

Trasportato in ambulanza in un ospedale alla periferia di Palma, gli esami radiologici hanno confermato una clavicola rotta . Landa sarà trasferito domani a casa sua, dove verrà operato nelle prossime 48 ore .

Ecco il comunicato ufficiale della Movistar:

Valentino Sucato iscritto all’Ordine dei giornalisti di Sicilia

SES SALINES, HERRARA VINCE IN SOLITARIO. 5° VALVERDE, 8° ARU.

Valentino Sucato iscritto all’Ordine dei giornalisti di Sicilia

L’Europa abbraccia il ciclismo: iniziano le gare nel vecchio continente e precisamente in terra ispanica, con il Trofeo Ses Salines, prova inaugurale della Challenge Mallorca.

Nei 176.9 km è stata una fuga a tre a movimentare la parte iniziale della gara: il britannico Jacob Hennessy (Canyon DHB p/b Bloor Homes), il danese Rasmus Iversen (Lotto Soudal) e il colombiano Nelson Soto (Caja Rural-Seguros RGA), avranno un vantaggio che ha raggiunto i 4′ 45″ ′, per poi essere raggiunti a circa 35 km dal traguardo.

Al – 19 km una brutta caduta coinvolge diversi ciclisti tra cui Iversen, al primo giorno da professionista e Mikel Landa. Al danese è stata riscontrata la frattura della clavicola mentre lo spagnolo della Movistar Team ha dolore alla spalla sinistra: si attende l’esito dell’esame radiografie.

La salita finale del Colle de San Salvador, lunga 4,8 km con una pendenza media attorno al 6% vede attaccare José Gonçalves (Team Katusha Alpecin), raggiunto da Guillaume Martin (Wanty-Groupe Gobert): ai -2 km metri i due vantano una quindicina di secondi sulla concorrenza. All’ultimo km vengono ripresi da Jesús Herrada: che va a vincere in perfetta solitudine. Al secondo posto il capitano della Cofidis, Solutions Crédits, Guillaume Martin. Terzo Bauke Mollema (Trek-Segafredo), che precede il campione del mondo Alejandro Valverde (Movistar Team), quinto Tim Wellens (Lotto Soudal).

Ordine d’arrivo:

1 HERRADA Jesús Cofidis, Solutions Crédits 04:12:29
2 MARTIN Guillaume Wanty – Groupe Gobert a 11″
3 MOLLEMA Bauke Trek – Segafredo a 11″
4 VALVERDE Alejandro Movistar Team a 11″
5 WELLENS Tim Lotto Soudal a13″
6 HIGUITA Sergio Fundación Euskadi a 13″
7 KONRAD Patrick BORA – hansgrohe a 13″
8 ARU Fabio UAE-Team Emirates a :16″
9 BARGUIL Warren Arkéa Samsic a 16″
10 MAJKA Rafał BORA – hansgrohe a 16″
11 DOUBEY Fabien Wanty – Groupe Gobert a 24″
12 LASTRA Jonathan Caja Rural – Seguros RGA a 26″
13 ŠPILAK Simon Team Katusha – Alpecin a 33″
14 SERRANO Gonzalo Caja Rural – Seguros RGA a 41″
15 SICARD Romain Direct Energie a 41″

SKYPE NELLE CARCERI ITALIANI: UNA RIVOLUZIONE NELLE COMUNICAZIONI DETENUTO-FAMIGLIA

Miglioreranno i rapporti affettivi tra carcerati e familiari: Skype entra nelle carceri italiane a aiuterà i detenuti a migliorare il loro percorso di espiazione della pena e di recupero personale. Arriveranno negli istituti di pena fra qualche giorno ben 400 pc portatili: numeri alla mano saranno 2 ogni carcere. La finalità è chiara: grazie all’utilizzo degli strumenti informatici e di Internet, i detenuti potranno avere contatti più agevoli con figli, genitori o coniugi che diminuiranno gli spostamenti e con essi disagi e costi. Da tale iniziativa saranno esclusi i detenuti al 41bis.

Valentino Sucato iscritto all’Ordine dei giornalisti di Sicilia

Mafia delle scommesse: 47 a giudizio

II Gup Maria Cristina Sala ha mandato giudizio 26 imputati, davanti alla quarta sezione del tribunale dal 7 maggio.

L’accusa e rappresentata dai pm Amelia Luise, Roberto Tartaglia e Fraricesco Gualtieri, coordinati dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca. Procura e Squadra Mobile ipotizzano che Bacchi, sarebbe riuscito a imporre un monopolio nel settore delle scommesse, costituendo settecento agenzie in tutto il territorio nazionale e fatturando anche un milione di euro al mese. Per l’accusa Bacchi avrebbe stretto una specie di accordo con alcuni boss, che hanno investito costantemente nelle scom- messe che oltre ad essere una facile fonte di guadagno assicurato, sarebbe anche strumento per riciclare denaro sporco. Benedetto Bacchi è difeso dall’ex pm, oggi avvocato, Antonio Ingroia.

In tribunale di presenteranno Domeni-co Bacchi, di 43 anni; Diomiro Alessi, 34 anni, di Partinico; Agostino Chifari,61; Maicol Di Trapani 35; Vito Alessio Di Trapani, 41; Alessandro Eusepi, 45; Salvatore Galioto, 37; Antonio Grigoli, 50; Giuseppe Grigoli, 58; Salvatore Ingrasciotta, 50 (abita a Campobello diMazara); Vincenzo Lo Curcio, 27 anni; Francesca Lo Iacono, di Partinico nato nel 1980, e il suo omonimo del 1976 ; Fabio La Iacono,33 anni; Giuseppe Marchese, 51 anni, di Partinico; Giovanni Nicoletti, 68, Fabrizio Noto, 40; Francesco Paolo Pace, 45: Giuseppe Italo Pecoraro, 39; Francesco Porzio e Maurizio Primavera,entrambi di 42 anni; Fran- cesca Regina.49 anni; Davide Schem- bri,44; Antonio Zichitella,di Marsala 43 anni. Hanno scelto il rito abbreviato Francesco Nania, Alessandro Acqua.36 anni, Marco Cannatella 54 anni di Partinico e Alfredo Cannone di Partinico, rispettivamente di 58 anni; Ferdinando Chifari, 28 anni; Marco e Vincenzo Corso, di 34 e 38 anni, rispettivamente di Partinico e di Borgetto; Salvatore De Simone, 35; Davide Di Benedetto, 37; Giuseppe Gambino e Carmelo Ganuzzo, entrambi di 38 anni:Antonio Lo Baido,41anni; Giuseppe Alessandro Lo Bianco 52 anni; Antonio Vincenzo Lo Piccolo, 57 di Carini; Antonio Mollisi, 35; Gerardo Antonio Orvieto Guagliardo, 36; Antonino Pizzo, 48; Giampiero Rappa. 50; Benedetto Sgroi, 43; Sebastiano Vinciguerta, 58; Devis Zangara, 47.

Sei hanno chiesto di patteggiare la pena: Graziella Bacchi 74 anni: Alessandro Bronzuoli. di 41; Salvatore Cusumano, 59 anni. di Montelepre; Domenico Pitti, di 44; Antonino Quattrocchi, di 54; Massimo Salerno.42.

Benedetto Bacchi

Valentino Sucato iscritto all’Ordine dei giornalisti di Sicilia

AUMENTA L’OFFERTA TURISTICA SICILIANA: NASCONO 15 PARCHI ARCHEOLOGICI

Via libera all’istituzione di tutti i parchi archeologici siciliani. il Consiglio regionale dei Beni culturali, ha espresso all’unanimita parere fa- vorevole alla proposta di completare la formazione di tutti quelli previsti dalla legge regionale 20 del 2000.

Nei prossimi giorni l’assessore Tusa firmera i decreti di istituzione dei 15 Parchi Parco di Catania, di Leontini, di Parco Lilibeo – Marsala,Parco delle isole Eolie, Parco di Himera, Parco di Solunto, Parco di Monte Jato, Parco di Camarina, Parco di Cava D’Ispica, Parco della Valle dell’Aci, Parco di Morgantina, Parco di Eloro – Villa del Tellaro, Parco di Siracusa, Parco di Gela e Parco di Tindari. Il Parco di Pantelleria, gia reinserito nel sistema dei parchi regionali nello scorso mese di settembre, si aggiungera agli altri.

Valentino Sucato iscritto all’Ordine dei giornalisti di Sicilia

Incidente a Balestrate. Momenti di panico

Questa notte, poco prima delle 3 sempre sulla A29 in direzione Palermo, all’altezza di Balestrate, un camion Iveco si è scontrato con una Citroen C3.

Momenti di paura quando agenti della Polizia stradale si sono recati sul posto e all’interno dell’auto letteralmente accartocciata non hanno trovato il conducente. Immediatamente partite le ricerche dell’uomo che Polstrada ha rintracciato mentre camminava solo sul ciglio della strada.

Valentino Sucato iscritto all’Ordine dei giornalisti di Sicilia

SEQUESTRATI 265 CHILI DI PRODOTTI ITTICI, DEVOLUTI IN BENEFICIENZA

i Carabinieri delle Compagnie di Palermo Piazza Verdi e San Lorenzo, supportati da personale della locale Guardia Costiera, hanno controllato nei quartieri Brancaccio, Uditore e Crispi, ben otto tra venditori ambulanti ed esercizi commerciali della filiera dei prodotti ittici.

Il servizio di controllo finalizzato alla tutela ed alla salute della cittadinanza ha permesso di sequestrare complessivamente 265 chili di prodotti ittici che a seguito di controlli e verifiche dei veterinari dell’ASP sono stati devoluti in beneficienza.

Le ispezioni hanno accertato che i menzionati vendevano tali alimenti privi di etichettatura e tracciabilità.

Inoltre i Carabinieri hanno elevato, complessivamente, sanzioni amministrative per un importo di 17.000 euro.

PUBBLICATO da Valentino Sucato iscritto all’Ordine dei giornalisti di Sicilia

VILLABATE: SEQUESTRATO PATRIMONIO AD UN PREGIUDICATO 

La Polizia di Stato ha eseguito un decreto emesso dal Tribunale – Sezione Misure di Prevenzione, con il quale su proposta del Questore di Palermo, è stato disposto un sequestro patrimoniale, per un valore complessivo stimato di circa 100.000 euro, nei confronti del pregiudicato palermitano AMARI Domenico, classe ’74.

https://youtu.be/yeKjGOfGCRM

Questi i beni colpiti dal provvedimento ablatorio:

– Impresa Individuale attiva nel settore della “gestione di parcheggi e autorimesse” con sede a Villabate.

– Quota del 30 % di una società attiva nel settore delle “riparazioni meccaniche” con sede a Villabate

– 2 motoveicoli

La pericolosità sociale di AMARI Domenico, condannato definitivamente per la commissione di reati contro il patrimonio e la persona, nonché per delitti inerenti la detenzione e lo spaccio di stupefacenti, ha trovato già una prima conferma nel 2016 con l’applicazione nei suoi confronti della misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S. per la durata di anni 3, in quanto soggetto che, per la condotta ed il tenore di vita, era ritenuto dedicarsi abitualmente a traffici delittuosi e vivere con i proventi di attività criminali.

In ultimo, la recrudescenza della sua pericolosità sociale è emersa in seguito alle indagini della Squadra Mobile di Palermo che, il 19 giugno 2018, hanno condotto al suo arresto per una violenta rapina commessa il 22 agosto 2017 a Termini Imerese. In quella circostanza il gruppo criminale capeggiato dall’AMARI si era impossessato con violenza di un container contenente circa 138 quintali di gamberi surgelati, del valore di circa 170 mila euro, aggredendo e sequestrando l’autista del mezzo. Le indagini avevano, inoltre accertato il suo ruolo di organizzatore e promotore di un’associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati contro il patrimonio. Era emerso, in particolare, che l’area di pertinenza dell’autorimessa sita a Villabate, in via Alcide De Gasperi, sebbene formalmente intestata ad un congiunto, fosse in realtà nella disponibilità dell’Amari, che la utilizzava per organizzare riunioni operative nel corso delle quali venivano pianificati reati e ripartiti i ruoli dei componenti della banda criminale.

Sulla base dell’acclarata pericolosità sociale dell’AMARI quale soggetto dedito alla commissione di delitti in grado di produrre profitti, sono state effettuate nei suoi confronti e del suo nucleo familiare mirate indagini patrimoniali dagli agenti dell’Ufficio Misure di Prevenzione della Divisione Anticrimine della Questura di Palermo, che hanno permesso di rilevare una notevole sproporzione economica tra i redditi leciti dichiarati, ben inferiori alle ordinarie spese di mantenimento di una famiglia, e gli acquisti patrimoniali effettuati, evidentemente frutto di risorse finanziarie illecite derivanti dall’attività delittuosa dell’AMARI.

https://notiziariosicilia.wordpress.com/2019/01/31/mafia-delle-scommesse-47-a-giudizio/

PUBBLICATO da Valentino Sucato iscritto all’Ordine dei giornalisti di Sicilia